Amnesia dell’anima. Scegliere senza rimorsi.

Oggi ne  Il mio Atlante delle Emozioni vi propongo l’ascolto  di questo brano Amnesia  di Jorge Méndez.

 

Uno dei miei compositori preferiti spinge sempre con le sue melodie (nelle quali mi perdo) a spunti di riflessione sulla vita, sui sentimenti, sulle emozioni che ci attraversano tutti, nessuno escluso. Quella di oggi è stata dettata da un mio scritto, un pensiero (aforisma) che ho scritto questa mattina per PensieriParole,  subito dopo aver parlato con un amico; un caro amico, alle prese con una delle più, a mio avviso, dolorose e coraggiose scelte della vita, la separazione, il divorzio dalla propria compagna di vita.

 

https://www.youtube.com/watch?v=ox31dLgfx2A

La vita ci impone continue scelte, alcune necessarie, altre di comodo. L’essere o l’apparire. Il desiderare o il possedere. Il conoscere o l’ignorare. L’infliggere o il subire. Qualunque sia la strada che intraprendiamo sta a noi, e solamente a noi, la scelta. I rimorsi non sono contemplati in un’esistenza che è come sabbia tra le dita. Troppo spesso facciamo la scelta di dimenticarcene.

 

E’ dura mettere la parola fine a una storia d’amore che un tempo ci ha fatto decidere di sposarci e condividere con quella persona il resto della nostra vita. Purtroppo quel tipo di scelta è tra le più difficili e spesso il coraggio per dire basta e voltare pagina, sembra non

 

 

arrivare mai. Questo rimandare, cercando di aggiustare le cose, sperando di rimediare e non gettare via i voti di quella promessa fatta davanti a Dio, ci logora dentro, e molte volte ci convince di essere stato solo uno spreco di tempo, quando non è supportato, desiderato,  da entrambi.

Non è mai uno spreco di tempo cercare con tutte le forze di aggiustare le cose, rimediare alle mancanze, sondare l’anima alla ricerca, se c’è mai stata una colpa, di una soluzione. Metterci la colla, in pratica. Personalmente, essendoci passata di persona,  mi sento di dire, convinta più che mai che i rimorsi non dovrebbero essere contemplati in questo nostro esistere,  è che quando qualcosa di così importante, come un matrimonio s’incrina, o addirittura si spezza, non esiste colla che possa cancellare gli errori commessi. Il coraggio di ammetterlo a se stessi, e la forza e la consapevolezza di meritare di essere di nuovo felici, deve essere assolutamente perseguita, senza se e senza ma. Sopratutto esiste il bene per l’altro, nonostante il cammino insieme debba essere interrotto, mai dimenticare, trascinati dall’amnesia dell’anima, che un tempo quella persona ci ha reso felici, ha condiviso con noi il sogno, un sentimento vero, importante, ma ora bisogna lasciarlo andare, serenamente, senza odio, senza quel rancore iniziale che, vedrete, a poco a poco sfumerà, lasciando spazio a quella civile e più umana rassegnazione, lasciandoci consapevoli di aver fatto, forse per la prima volta, la cosa veramente giusta, per noi stessi, a dispetto delle apparenze.

Lieta di servirvi

LastCry

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.